Cos'è l' Agopuntura Auricolare o Auricoloterapia ? - www.StudioBioMedico.it

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cos'è l' Agopuntura Auricolare o Auricoloterapia ?

Agopuntura Auricolare/Fumo

Forse non tutti sanno che l'orecchio non è solo un'appendice del corpo umano finalizzata all'udito e al controllo dell'equilibrio, ma anche una complessa centrale in cui è rappresentato tutto il corpo: su di esso sono contenute le "rappresentazioni" delle innervazioni sensitive e motorie di organi e apparati, distribuiti in modo tale da creare un'immagine simile ad un feto con la testa rivolta verso il basso.

Fu grazie agli studi del Dott. P. Noiger che, negli anni 50', si arrivò a creare una mappa auricolare completa i cui "punti", o zone auricolari, poi valutati e confrontati con quelli considerati dalla successiva scuola cinese, furono riconosciuti e standardizzati nel 1991 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

COME AGISCE l'AGOPUNTURA AURICOLARE ?

Il padiglione auricolare contiene informazioni che provengono dall'intero organismo: riceve i segnali interni e li decodifica a livello della rete nervosa sottocutanea.
La stessa superficie auricolare è anche in grado, dopo la stimolazione degli opportuni "punti", attraverso l'infissione di aghi da agopuntura o semipermanenti, di ritrasmettere al corpo, attraverso le vie trigeminali e il sistema reticolare, i segnali ricevuti: questo meccanismo di scambio informazionale permette di agire sulle zone rappresentate e di ottenere una risposta terapeutica riflessa nervosa, sia diretta, che neuro-umorale.

COME AVVIENE la VISITA e  il TRATTAMENTO?


ANAMNESI: come per ogni visita è inizialmente necessario acquisire informazioni relative alla storia del paziente e della sua famiglia: un'anamnesi accurata consente di inquadrare la persona nella sua complessità fisico-psico-emozionale, di determinare quali riflessi ricercare in primis, quale modalità di intervento attuare.
Non meno importanti sono le motivazioni che spingono il paziente a cercare aiuto per il suo stato di malattia o sintomo.
La visita non prescinde da una valutazione sia degli esami strumentali/bioumorali effettuati, sia delle diagnosi ottenute durante le visite specialistiche, tutte informazioni che il paziente deve sempre sottoporre all'attenzione del medico agopuntore.

ISPEZIONE AURICOLARE: consiste nell'osservazione accurata nei due padiglioni, sia anteriormente che posteriormente, della forma, della colorazione e dei segni di alterazione morfologica che, se presenti, consentono di ipotizzare uno squilibrio o una predisposizione patologica dell'organo rappresentato in quel punto.

RICERCA  DEI  PUNTI  DOLOROSI: si effettua applicando una pressione attraverso l'uso di “palpeur” o stiletti con la punta arrotondata. La reazione del paziente alla palpazione, che si esprime solitamente con una smorfia data dalla dolorabilità di uno o più punti, indica con precisione dove intervenire.

TRATTAMENTO  DEI  PUNTI nella pratica medica si utilizzano:
- aghi da agopuntura, si lasciano infissi per 20-30 minuti e poi rimossi
- aghi ASP semipermanenti, il paziente mantiene gli aghi in loco per alcuni giorni e poi li rimuove
- semi di vaccaria, per la stimolazione auricolare nei pazienti che non possono essere punti per l'utilizzo di farmaci anticoagulanti, particolari patologie, per i bambini. Si mantengono in loco per alcuni giorni avendo cura di stimolarli facendo pressione su di essi.
Solitamente si effettua una seduta settimanale, sino a miglioramento, la terapia è poi personalizzata in base al quadro clinico presentato.


INDICAZIONI  TERAPEUTICHE  dell'AGOPUNTURA AURICOLARE


  • DISASSUEFAZIONE  DALLE  DIPENDENZE:  fumo – cibo

  • TRATTAMENTO  DELL'OBESITA'  E  DEI  DISTURBI  DEL  COMPORTAMENTO  ALIMENTARE

  • TRAUMATOLOGIA

  • REUMATOLOGIA (dolori, infiammazioni acute e croniche)

  • ODONTOIATRIA (dolori dentari)

  • MALATTIE  NEUROLOGICHE (sciatalgia, ecc.)

  • AFFEZZIONI  DERMATOLOGICHE

  • DISTURBI  RESPIRATORI  E  ALLERGICI

  • DISTURBI  FUNZIONALI  VISCERALI

  • DISTURBI  PSICOSOMATICI

  • SHOCK  POST-TRAUMATICI



CONTROINDICAZIONI


L'auricoloterapia NON
presenta particolari controindicazioni, se non l'accorto utilizzo dei punti in certe patologie o stati fisiologici come:

  • paraplegie

  • sclerosi a placche

  • disturbi cardiaci gravi

  • neoplasie

  • psicosi

  • gravidanza

  • uso di farmaci anticoagulanti


(rif. Reflessologia Auricolare e Cranica – Osvaldo Sponzilli -Marrapese Editore)


ATTENZIONE !


L'USO  di NEUROLETTICI MAGGIORI, del  CORTISONE, la PRESENZA di  CICATRICI
ANNULLANO
 la POSSIBILITA' di OTTENERE RISULTATI TERAPEUTICI

L'USO di  ANALGESICI  e  PSICOFARMACI BLOCCANO in PARTE o TOTALMENTE le RISPOSTE RIFLESSOLOGICHE

I pazienti sono tenuti ad informare il medico dell'uso di questi farmaci per valutare la necessità del trattamento



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu